Il Frullatore migliore per la tua cucina? Sicuramente è tra questi 10

Share this on Facebook, Twitter, ...

I frullatori sono così diffusi, che le persone a volte dimenticano che ci sono caratteristiche diverse che rendono ogni marca e modello unico. Inoltre se prevedi di preparare frullati ogni giorno ti consigliamo di tenere il frullatore direttamente sul bancone, e quindi saranno da considerare altezza, dimensioni e aspetto, oltre alle altre caratteristiche fondamentali da tenere presenti quando devi scegliere il frullatore migliore per la tua cucina.

Materiale e dimensioni del contenitore

Il contenitore/bicchiere del frullatore può essere realizzato in vari materiali:

Plastica: i contenitori per frullatori meno costosi sono realizzati in plastica. I vantaggi della plastica è che è leggera e resistente.

Vetro: anche il vetro è resistente, e non scolorisce né assorbe gli odori di erbe o verdure come la plastica.

Acciaio inossidabile: l’acciaio inossidabile è più costoso e più durevole di vetro o plastica. Inoltre mantiene fredde le miscele più a lungo. Il rovescio della medaglia è che non puoi vedere la miscela all’interno finché non togli il coperchio.

I contenitori variano largamente in capacità e dimensioni: solo tu puoi determinare quale taglia è adatta alle tue esigenze.

Dimensioni del motore

Come per gli spremiagrumi, la potenza del motore è importante per frullare verdure dure e fibrose. Il frullatore da cucina medio vanta tra 300 e 600 watt di potenza, con i frullatori ad alte prestazioni che sprigionano – sempre in media – 1200/1300 watt di potenza.

Scegli il motore più potente che ti puoi permettere quando scegli un frullatore: maggiore è il wattaggio, più versatile sarà la tua macchina. Una macchina a bassa potenza non sarà in grado di gestire cocktail densi e congelati, sorbetti, o granite.

Trasmissione e lame

L’ideale è la trasmissione in acciaio inossidabile, dal momento che la plastica si consuma rapidamente. Questo compatibilmente con il proprio budget, ovviamente.

Velocità variabili

Poter avviare il frullatore a bassa velocità, e aumentarla gradualmente, mette meno sotto stress il motore. Inoltre la possibilità di scalare da una velocità alta a una velocità molto bassa consente di aggiungere – in genere alla fine della miscelazione – gli ingredienti che non si desidera vengano frullati o passati nel resto della miscela.

Tritaghiaccio

Questa funzione arresta e riavvia automaticamente le lame, in modo che il ghiaccio possa essere facilmente tritato e integrato in modo uniforme in una miscela omogenea.

Tenendo a mente questi punti cardine non dovrebbe essere difficile scegliere il frullatore più adatto alla propria cucina… e per facilitare la cosa ecco i 10 migliori frullatori in assoluto per rapporto qualità/prezzo, tra cui scegliere quello che meglio si adatta alle nostre esigenze.


Share this on Facebook, Twitter, ...
Available for Amazon Prime