Video – Caminetto a Bioetanolo da tavolo o da parete: l’atmosfera di un camino classico, anche in appartamento

Share this on Facebook, Twitter, ...

Il camino ha da sempre un ruolo da protagonista nelle case, attorno al quale riscaldarsi in un’atmosfera accogliente, tra il crepitio della legna e l’odore che si diffonde, tra le fiamme che brillano e illuminano ambiente.

La sua funzione non è cambiata nel tempo, ma oggi le alternative al classico camino a legna sono tante. Con l’avvento delle nuove tecnologie e lo studio di nuovi materiali, è ora possibile avere lo stesso effetto in qualsiasi ambiente della casa grazie ai camini a bioetanolo, ecologici, di facile utilizzo e installazione.

Cos’è un caminetto a bioetanolo?

A differenza del più comune caminetto a legna, il caminetto a bioetanolo non necessita di murature invasive o collegamenti elettrici esterni, e l’installazione è particolarmente semplice: le canne fumarie non sono necessarie, e occupa poco spazio. Non dovrai preoccuparti di fumi, cenere o fornitura di legna. Sono facili da usare e da tenere accesi: non c’è legna da usare, nessuna cenere da pulire, o la paura delle braci che possono cadere fuori dal camino.

Un caminetto a bioetanolo non è altro che un piccolo caminetto chiuso che dispone di un contenitore appositamente progettato per il combustibile liquido, ovvero il bioetanolo, e contiene – quasi sempre – una pietra o pietre porose. Si accende con un normale accendino e gradualmente il liquido brucia, facendo apparire una fiamma all’interno del camino. La pietra o le pietre, invece, hanno una duplice funzione: essendo porose, assorbono il bioetanolo, e creano una sorta di ostacolo tra la fiamma e la vasca contenente il liquido, impedendone il contatto.

La fiamma è visibile, e questo contribuisce a generare quell’atmosfera tipica del caminetto classico, utile per riscaldare una porzione di casa, un piccolo ambiente domestico, o per sprigionare un piacevole tepore. Può essere da interno o da esterno, da parete o da terra, da incasso o da tavolo, sospeso o con una base; il mercato offre attualmente molte soluzioni ideali per soddisfare le più diverse esigenze.

Cos’è il bioetanolo?

Il bioetanolo è un alcol estratto dalla fermentazione di biomasse, cioè alimenti con un’alta concentrazione di zuccheri, come cereali, canna da zucchero, colture zuccherine, cibi amidacei e vinacce. È un combustibile sostenibile, rispetta l’ambiente, non emette fumi tossici ed è di facile reperibilità sul mercato. Esistono diversi tipi di bioetanolo, alcuni con una resa migliore rispetto agli altri. La combustione emette piccole quantità di acqua, vapore, e diossido di carbonio. Nessuna macchia o fuliggine su pareti e soffitti. La fiamma del bioetanolo è completamente pulita.

A differenza del legno, i camini a bioetanolo non emettono fumi nocivi o cancerogeni quando sono in funzione. Questo permette, anche a chi abita in un appartamento condominiale, di non rinunciare al calore e all’atmosfera del focolare.

Vantaggi di un caminetto a bioetanolo

Ecco in sintesi i principali vantaggi di un bruciatore a bioetanolo:

– Estetica : uno dei principali fattori di acquisto è sicuramente il valore estetico che può dare. Oltre ad essere un dispositivo per il riscaldamento della casa, è anche un complemento d’arredo di design che arricchisce l’ambiente in cui viene inserito, diventando un oggetto ornamentale ed elegante. Inoltre, la fiamma visibile è un modo per generare un’atmosfera familiare piacevole e intima.

– Economia : dal punto di vista del prezzo di acquisto esistono diversi modelli, più o meno costosi. Non necessita però di grandi investimenti, né di opere murarie o di altro genere. La manutenzione è ridotta, e il suo funzionamento è meno impegnativo di un caminetto tradizionale.

– Pulizia : il caminetto a bioetanolo non produce cenere, non ci sono fumi e quindi niente fuliggine, e sia il caminetto che l’ambiente circostante sono sempre molto puliti. Inoltre non vi è emanazione di odori sgradevoli.

– Minimo ingombro : un altro grande vantaggio di un caminetto a bioetanolo è che non richiede grandi spazi, e ci sono anche modelli molto piccoli con installazione minima. Se hai poco spazio, questa soluzione è ancora più vantaggiosa, in quanto un serbatoio da 5 litri di bioetanolo è molto meno ingombrante rispetto alla legna utilizzata per un camino tradizionale.

– Calore omogeneo : il calore derivante da un caminetto a bioetanolo viene distribuito in modo uniforme e graduale fino a raggiungere un livello costante nell’ambiente, evitando picchi di calore alternati a momenti di abbassamento della temperatura.

– Combustibile sostenibile : l’impatto ambientale è minimo, il bioetanolo rispetta l’ambiente, non emette fumi tossici ed è di facile reperibilità sul mercato.

– Facilità di installazione : ci sono camini che richiedono un’installazione più semplice e altri un po ‘più complessi, ma in sostanza un caminetto a bioetanolo ha il vantaggio della facilità di installazione e di utilizzo. Composti da poche parti, a seconda del modello, possono essere appesi al muro come un quadro oppure appoggiati sul tavolo o sul pavimento.

Questo video descrive la semplice installazione di un caminetto a bioetanolo da tavolo, che puoi spostare in qualunque punto della casa:

Qui di seguito i 10 migliori caminetti a bioetanolo che abbiamo selezionato, con ottime caratteristiche e rapporto qualità/prezzo.


Share this on Facebook, Twitter, ...
Available for Amazon Prime